Skip to Content

Grandezza del testo

Current Size: 100%

Stile pagina

Current Style: Standard

logo bandiera lilla

bandiera-lilla_header.jpg

Logo bandiera blu

bandiera_blu.gif

Logo AICC

aicc.gif

Logo RINA

RINA_ISO-14001_col.jpg

Ritorna "Una canzone sul mare"

Versione stampabileVersione stampabileVersione PDFVersione PDF

Una canzone sul Mare


Ritorna ad Albisola Superiore, nella suggestiva cornice della "Terrazza sul Mare" sulla passeggiata Eugenio Montale, la rassegna “Una canzone sul mare”, quest’anno alla terza edizione.

Due gli appuntamenti nei quali si esibiranno diversi artisti genovesi che portano avanti la tradizione cantautorale nostrana: Max Manfredi, Federico Sirianni, Giua, Lorenzo Malvezzi e Sergio Pennavaria.

Sabato 13 agosto, alle 21.30, si esibiranno Max Manfredi & Federico Sirianni "NoGenovaTour" e Sergio Pennavaria feat. G.Fioritti.
Max Manfredi, definito da De Andrè “il migliore di tutti”, e il pluripremiato Federico Sirianni sono i più blasonati cantautori genovesi attualmente in attività.
Si conoscono da un quarto di secolo e si sono trovati spesso insieme sugli stessi palchi o nelle stesse rassegne, con un pubblico affezionato e fedele che segue ogni loro mossa e spostamento.
Max Manfredi è considerato un fuoriclasse della canzone d’autore italiana. In qualche momento la sua vertiginosa giostra verbale e musicale può persino far perdere l’orientamento, tanto le sue canzoni sono traboccanti di invenzioni, imprevedibilità, esplosioni di idee e immagini, musicalità.
Federico Sirianni, dylaniano doc, il più giovane dei due cantautori genovesi di questo “No Genova Tour”, si rivela un degno rappresentante di quella che è indiscutibilmente una città feconda di importanti autori di canzoni. Dei due, Sirianni è il più ruspante e lineare, capace comunque di incuriosire e farsi ascoltare.
Per la prima volta proporranno un tour insieme per tutta Italia, raccontandosi attraverso le loro canzoni e una serie di storie reali, surreali e divertenti.
Sergio Pennavaria feat. Gabriele Fioritti è un artista siciliano da diversi anni in Liguria, che ha in sé il dono di diversi linguaggi artistici con cui negli anni ha comunicato in buona parte del territorio nazionale. Pittore, sceneggiatore, attore, musicista ed autore, da anni mostra al pubblico una coerenza artistica dai forti caratteri espressionistici. Nel 2011 esce "Senza Lume A Casaccio Nell’Oscurità" un album contenente 12 composizioni che porterà l'artista siciliano all'interno di un circuito cantautorale riconosciuto. Il disco viene presentato in contesti importanti per la canzone d’autore come Il Diavolo Rosso di Asti, L’Isola ritrovata di Alessandria, il festival nazionale Balla coi Cinghiali. Apertura dei Verdena, Roy Paci ed altri artisti di fama nazionale al festival Su La Testa prima dei Gnu Quartet, di Mauro Ermanno Giovanardi ed in questa occasione il cantautore siciliano viene premiato come vincitore del contest legato allo stesso festival. Nel 2015 con la sua nuova band, composta da Lorenzo Piccone, Luciano Puppo, Loris Lombardo, Simone Rossetti Bazzaro, partecipa al prestigioso festival internazionale di musica folk Folkest, dopo essere stato selezionato come rappresentante del Nord Ovest italiano. Nel 2016, apertura del concerto della Bandabardò. Nel dicembre 2016 è prevista l’uscita di un nuovo album.

Sabato 20 agosto, sempre alle 21.30, saranno sul palco Giua "E improvvisamente Tour" e Lorenzo Malvezzi feat. Francesco Milanolo.
"E improvvisamente Tour" Giua, è una cantautrice e pittrice avviata dal padre alla passione per la musica che ha iniziato giovanissima la sua carriera di cantautrice. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti: Premio Lunezia, Festival di Castrocaro, Premio Recanati, Mantova Musica Festival. Nel 2008 è stata finalista al Festival di Sanremo e ha pubblicato il suo primo album “Giua” per Sony-Bmg, prodotto da Beppe Quirici e Adele Di Palma. Nel gennaio 2012 è uscito TrE, il suo secondo lavoro discografico in collaborazione con il chitarrista Armando Corsi. Nel 2015 ha collaborato in qualità di interprete e musicista col Teatro dell’Archivolto per lo spettacolo “Quello che non ho” con Neri Marcoré. Nel gennaio 2016 è uscito il suo nuovo disco “E improvvisamente” per Egeamusic, arrangiato assieme al Maestro Stefano Cabrera, violoncellista ed arrangiatore degli Gnu Quartet, e frutto di una produzione dal basso organizzata su Musicraiser. Tanti i musicisti e gli ospiti importanti, tra cui spiccano Zibba, Pilar e Victoria Vox. "E improvvisamente" tour 2016 è un viaggio che dal Mediterraneo volge verso l’America del Nord e le sue sonorità più acustiche, passando attraverso il jazz e la contaminazione di vari linguaggi. Canzoni che indagano quel tempo aperto, spalancato e sospeso che sono l’attesa e il silenzio di una risposta, la speranza, l’arrivo inaspettato di qualcuno.
Lorenzo Malvezzi feat. Francesco Milanolo è un cantautore genovese che con il suo disco d’esordio "Canzoni di una certa utilità sociale” riporta in auge la canzone satirica cara alla tradizione di Gaber e Jannacci, e da Malvezzi sdoganata nel nuovo millennio. Ottima l’accoglienza da parte delle radio dei suoi singoli: restando in classifica per più di 7 mesi dall’uscita del primo singolo “Test Psicoattitudinale”; e con il secondo singolo “Manifesto popolare” entra nella top 100 dei migliori video dell’anno. Finalista al premio Bindi 2012, ha vinto la Menzione d’onore data da MEI al salone del libro di Torino come miglior testo nel premio “inediTO 2014”, primo classificato al festival Nazionale per la canzone d’autore “Varigotti Festival 2014”. "Filastrocche per bambini cattivi" è il nuovo lavoro di Malvezzi, uscito nel 2016, in cui l'artista analizza con il suo linguaggio diretto e poetico le contraddizioni degli esseri umani, che si trasformano nel suo immaginario in "bambini cattivi". I live di Malvezzi prendono forma tra monologhi e musica, rendendo il concerto dinamico e divertente, e trasformando il pubblico nel punto centrale dello spettacolo.

“Una canzone sul mare” è organizzato dall’Assessorato al Turismo del Comune di Albisola Superiore, in collaborazione con il Circolo Chapeau che ne cura la direzione artistica.