Skip to Content

Grandezza del testo

Current Size: 100%

Stile pagina

Current Style: Standard

logo bandiera lilla

bandiera-lilla_header.jpg

Logo bandiera blu

bandiera_blu.gif

Logo AICC

aicc.gif

Logo RINA

RINA_ISO-14001_col.jpg

Oggetti smarriti

Versione stampabileVersione stampabileVersione PDFVersione PDF


Adempimenti per il proprietario
Quando vengono consegnati al Comando di polizia municipale oggetti/valori smarriti il personale della Polizia Municipale effettua le ricerche utili ad individuare il legittimo proprietario, per provvedere alla restituzione.
Per ottenere la restituzione degli oggetti ritrovati il proprietario dovrà:
• presentarsi presso l'ufficio o delegare per iscritto un incaricato;
• esibire la denuncia di furto o smarrimento relativa agli oggetti in questione.
• qualora richiesto, versare la ricompensa al ritrovatore nella misura di un decimo della somma o del prezzo della cosa ritrovata. Se tale somma o prezzo eccede € 5,16, il premio per il sovrappiù è solo del ventesimo (art. 930 del Codice Civile).
Della restituzione è redatto verbale contenente l'elenco puntuale di tutto ciò che viene riconsegnato.

Adempimenti per il ritrovatore
Il cittadino che ritrovi fortuitamente oggetti, documenti e/o valori è tenuto a consegnarli presso il Comando di Polizia Municipale ove è istituito l'ufficio “oggetti smarriti”. Il personale della Polizia Municipale provvederà ai seguenti adempimenti:
1. redazione del verbale di ritrovamento con l’elenco degli oggetti e/o valori ritrovati;
2. rilascio di copia del verbale di ritrovamento al ritrovatore;
3. annotazione in apposito registro.

Il ritrovamento di oggetti privi di segni identificativi che non consentano di risalire in alcun modo al legittimo proprietario, sarà pubblicizzato, attraverso una descrizione sommaria delle cose ritrovate, mediante avviso affisso all’Albo Pretorio sito nel Palazzo Comunale.
Trascorso un anno dall’ultimo giorno di pubblicazione all’Albo Pretorio, senza che il legittimo proprietario si sia presentato per il ritiro, il ritrovatore (ai sensi dell’art. 929 del Codice Civile) diventa proprietario delle cose ritrovate.

Smarrimento o furto dei documenti di guida
Nel caso di smarrimento o furto di patente di guida o di carta di circolazione il titolare della patente o l’intestatario della carta di circolazione deve farne denuncia, entro 48 ore, agli organi di polizia.
Quando si presenta per la denuncia, l’interessato deve avere con sé:
• un documento di riconoscimento;
• due fotografie formato tessera su sfondo bianco (nel caso il documento smarrito o sottratto sia la patente di guida);
L’interessato, escluso il caso di patente di guida scaduta di validità, lascia il posto di polizia con un permesso provvisorio di guida (se ha smarrito la patente) o di circolazione (se ha smarrito la carta di circolazione), in calce al quale trova le seguenti avvertenze:
• se il documento (carta di circolazione o patente) smarrito, sottratto o distrutto dovesse essere rinvenuto o restituito, è fatto obbligo al denunciante di distruggerlo;
• se entro 45 giorni dalla data del permesso provvisorio il duplicato non dovesse giungere alla residenza del denunciante, quest’ultimo deve telefonare al numero verde 800232323 per ottenere notizie sullo stato del procedimento).
Il duplicato del documento smarrito, sottratto o distrutto, sarà consegnato a cura del servizio postale dietro riscossione delle spese di procedimento.
Qualora la patente di guida o la carta di circolazione non fossero duplicabili dall’ufficio centrale della Motorizzazione, il denunciante sarà invitato a presentare richiesta formale di duplicato all’Ufficio Provinciale della Motorizzazione competente per territorio.
Per ulteriore informazione si rammenta infine che, per ottenere il duplicato della patente o della carta di circolazione per deterioramento dell’originale, l’utente potrà presentarsi unicamente presso l’Ufficio Provinciale della Motorizzazione competente per territorio. L’utente potrà infine rivolgersi all’Ufficio Provinciale della Motorizzazione nel caso in cui il duplicato emesso dall’Ufficio Centrale Operativo rechi un errore sui dati ovvero quando la foto sia stata stampata male, i dati siano poco leggibili, la laminazione non sia uniforme. In tali casi l’ufficio provinciale potrà rilasciare un “duplicato d’ufficio”.

Come si accede
Occorre rivolgersi al Comando di Polizia Municipale, Piazza Giulio II n.8 – I piano. Telefono: 019/485351 Fax: 019/486503
E-mail: poliziamunicipale@comune.albisola-superiore.sv.it
Pec: protocollo@pec.albisup.it

Orario apertura al pubblico:
Il lunedì e giovedì dalle ore 9:00 fino alle 15:30; martedì, mercoledì e venerdì ore 9:00-12:30

Responsabile del procedimento:

Comm. Sup. Bruno Calcagno

Come ottenere informazioni sui procedimenti in corso:
•tramite email all'indirizzo poliziamunicipale@comune.albisola-superiore.sv.it

•tramite contatto telefonico all'utenza 019-485351

Soggetto con potere sostitutivo in caso di inerzia del responsabile del procedimento:

Segretario Generale Dott. Giovanni Pucciano

Leggi:

articolo 929 e 930 del Codice Civile